Napoli, Museo Archeologico Nazionale : “Pompei e l’Europa”, l’immaginario pompeiano negli artisti degli ultimi tre secoli

Spread the love

Una mostra che inaugura oggi e intende analizzare, attraverso diversi focus, la suggestione operata dal sito di Pompei sugli artisti, dall’inizio degli scavi nel 1748 al drammatico bombardamento del 1943.

E’ costituita da due fasi: la prima dal titolo “Natura e Storia (1748-1943)” esplora l’influenza del sito archeologico sugli artisti europei dal Settecento al Novecento. E’ a Napoli al Museo Archeologico Nazionale. Il confronto fra più di 250 opere documenta la fascinazione di artisti europei nel corso dei secoli,  da Ingres a Picasso, da Normand a Le Courbusier, da Moreau a Klee, evidenziando l’influenza della classicità sugli sviluppi dell’arte e dell’estetica moderna, fra emulazione e reinterpretazione.

La seconda parte della mostra si terrà direttamente negli scavi di Pompei.

Un’ulteriore sezione della mostra, intitolata “Fotografare e documentare Pompei” e curata dallo stesso Massimo Osanna, insieme a Grete Stefani ed Ernesto De Carolis, occuperà il portico dell’Anfiteatro ed esporrà una scelta significativa del materiale fotografico conservato nella Soprintendenza Speciale di Pompei, Ercolano e Stabia.
Ufficio Stampa Electa

Inaugurazione 25 maggio ore 16 

Museo Archeologico Nazionale piazza Museo Nazionale, 19 Napoli 
feriali e festivi: 9.00 – 19.30 
Scavi di Pompei, Anfiteatro

thepinkfusion redazione

Pinkfusion22 è un sito culturale indipendente basato sulla narrazione del bello. Testimoniamo e narriamo con la professionalità dei giornalisti, vagliando le fonti, approfondendo le notizie. Dietro e a volte davanti alla telecamera c'è Sara, giornalista pubblicista e dottore di ricerca in Letteratura. Talvolta contribuiscono i redattori Giulio e Marco e disegna la fumettista JFM.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento