In ricordo del musicista Fela Kuti il documentario “Finding Fela”

Spread the love

Presentato al Sundance Film Festival 2014, e candidato per il Sound & Vision Award al Copenhagen International Documentary FF, “Finding Fela” di Alex Gibney è l’ultimo documentario sul musicista, attivista ed artista Fela Kuti scomparso nel 1997 e ormai divenuto un mito.

11667503_815685108545605_3386318015061410748_n

Fela ha studiato nella scuola di musica del Trinity College di Londra composizione e tromba. Nel 1969 si trasferisce negli USA dove conosce Sandra Isidore che lo introduce agli scritti e alla politica di Malcolm X e Eldridge Cleaver. Tornato in Nigeria, comincia a usare la sua musica come un grido di battaglia e di attivismo contro il governo.

“Inventore” dell’Afrobeat, un mix di calypso, musica caraibica, musica nigeriana yoruba e funky-jazz. I suoi testi, spesso in inglese, erano critici nei confronti di razzismo e discriminazione e non lesinavano critiche al governo nigeriano, predicando il panafricanismo e il socialismo.

fela_kuti_smoking_sax1

Il film verrà proiettato a Riccione (Rn), al Giometti Cinema in collaborazione con Wanted Cinema, giovedì 23 luglio alle h 21.30, nella Rassegna di cinema all’aperto Giardini del Centro della Pesa  (viale Lazio n.10).
Prima, alle ore 19, aperitivo con musica afro-beat a cura di Deejay Meo nel locale Babavero (via Cortemaggiore 4).

Sara Bonfili
———-
«”Più ci addentravamo in lui – racconta Gibney – più ci piovevano addosso filmati meravigliosi e ancor più pareva dovessero arrivarne. (…) prima lo ascoltavo, mi piaceva. Scoprendo chi è davvero stato ne sono diventato un fan. L’indagine sul vero valore di Fela, sul perché ha tanto tardato ad essergli riconosciuto, e ancora sia lontano dalla vera meta, son stati aspetti importanti del nostro lavoro”. Un insolito biopic che coniuga con seducente piglio divulgativo etnomusicologia e politica, storia, musica e cultura. e fa pensare a Fela, scomparso il 2 agosto 1997, come a un Thomas Sankara, un Agostinho Neto o un Amilcar Cabral col sax, il microfono e la tromba. Che con il suo dionisiaco, incandescente Afrobeat ha riportato dove sono nate, in una sorta di diaspora all’incontrario, le musiche degli afroamericani per innestarle, con visionario sincretismo e in profetico anticipo sulle posticce mode oggi dilaganti, nella musica Yoruba. Così come applicò la lezione delle Black Panthers, di cui divenne amico a Los Angeles nel 1969, alla situazione nigeriana e ai suoi testi, da lì in poi fiammeggianti d’impegno»  (Repubblica.it)

thepinkfusion redazione

Pinkfusion22 è un sito culturale indipendente basato sulla narrazione del bello. Testimoniamo e narriamo con la professionalità dei giornalisti, vagliando le fonti, approfondendo le notizie. Dietro e a volte davanti alla telecamera c'è Sara, giornalista pubblicista e dottore di ricerca in Letteratura. Talvolta contribuiscono i redattori Giulio e Marco e disegna la fumettista JFM.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento