Le donne potenti del calendario Pirelli 2016

Spread the love

Se posso mi arrogo il titolo di “donna tosta” se non altro per il sorriso nonostante le avversità, meglio dette sfighe, e l’invidia, meglio detta malocchio.
Dunque mi pare una buona notizia che le donne toste siano celebrate nel calendario Pirelli 2016, non perché non siano belle, ma perché forse la bellezza vuota ha stancato anche la moda: dall’ottantaduenne Yoko Ono alla presidente del MOMA di York Agnes Gund, dalla cantante Patti Smith alla tennista Serena Williams, che ha la mia età ma sicuramente è molto più resistente di me.
E allora, se sono tosta o no non lo so, ma le belle notizie mi infondono un gaudio sovrumano e ingiustificato e perciò condivido questo video.

Ad ogni modo, che io sia tosta o no, faccio parte di quelle donne che hanno l'”aria di un amore tribolato” di cui parlava De Moraes di una canzone, il quale le contrapponeva alle “donne solo belle” che non ritenteva affascinanti, e a questo punto, visto che lui era un poeta, un ambasciatore, un drammaturgo e un compositore tra i più noti dello scorso secolo, mi fido di lui e posso anche passare qualche ora di serenità ;-P

Sara Bonfili

Editorial manager del blog. Sara Bonfili è PhD in Italianistica e giornalista pubblicista. L'enciclopedismo umanista un tempo rendeva l'uomo felice, così le hanno insegnato a scuola. E pur essendo una donna, non ha ancora mollato.

Lascia un commento