barbarossa artista fabriano
Arti

L’artista Renzo Barbarossa in una monografia

Renzo Barbarossa era un artista fabrianese scomparso tre anni fa. Per lui l’associazione InArte finanziata dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Fabriano e Cupramontana, con il patrocinio della Città di Fabriano e con la collaborazione del Centro Studi Don Giuseppe Riganelli ha stampato un libro, nato dall’attività di catalogazione delle tante opere della collezione Barbarossa.

La presentazione inizierà alle ore 17,30, con la lettura delle poesie dell’artista, ma in mostra dalla mattina saranno visibile alcune sue sculture.

Gabriele Mazzara, uno degli associati di InArte che ha seguito il lavoro di catalogazione delle opere di Barbarossa: “Ho avuto il piacere di immergermi nello studio di Renzo e di vedere da vicino la sua progettualità”, ha raccontato, “con Renzo mi legava un rapporto di amicizia nato anni fa a Salmaregia in occasione di una mostra ed è stata un po’ anche “colpa sua” se io e mia moglie abbiamo deciso di trasferirci a Fabriano”.
“La cosa più bella di questo volume è che è stato progettato da lui”, ha dichiarato la presidente dell’associazione culturale InArte Anna Massinissa nella conferenza stampa di presentazione dell’iniziativa, “questo è un volume che la città regala a se stessa e a Renzo”.

“Renzo era una persona coinvolgente, uomo di grande empatia”, questo il ricordo del sindaco della Città di Fabriano Giancarlo Sagramola, “di lui rimane il rapporto umano con le persone che lo hanno conosciuto. Fabriano gli deve molto, dove ti giri in città si trova qualcosa di lui”.

la presentazione dell’evento nel comune di Fabriano

“Mi piacerebbe donare le opere di Renzo a qualche ente se ci fosse la possibilità di tenerle in esposizione”, ha dichiarato la moglie dell’artista Bruna Bolognesi, che ha inoltre espresso la volontà di istituire a breve un premio artistico a lui dedicato.

 

Editorial manager del blog. Sara Bonfili è PhD in Italianistica e giornalista pubblicista. Sa che l'enciclopedismo umanista un tempo rendeva l'uomo felice. E pur essendo una donna, non ha ancora mollato.

Lascia un commento