Il lascito della Transavanguardia

dalla mostra Srebrenica
Around Srebrenica. Viaggio attraverso i Balcani
5 giugno 2017
scrivere
Vita da Mummy
7 giugno 2017

Il lascito della Transavanguardia

Dalla Biennale Arteinsieme l’ispirazione di Mimmo Paladino

 Mimmo Paladino e i giovani artisti è la mostra con sede nella settecentesca Mole Vanvitelliana di Ancona, evento centrale della VII edizione della “Biennale Arteinsieme – cultura e culture senza barriere”. La Biennale ha coinvolto circa 1500 studenti e oltre 100 musei italiani e non solo, in attività finalizzata a promuovere azioni di inclusione sociale e culturale in tutto il territorio nazionale.

La mostra di Arteinsieme

Testimonial di questa edizione sono Mimmo Paladino e Salvatore Accardo, a cui si sono ispirati i lavori degli studenti, per la sezione “Arti figurative” prendendo spunto dalla  multi-materialità e la plasticità delle forme di Paladino, e per la sezione “Libri speciali”, con dodici libri multisensoriali realizzati dalle scuole primarie e secondarie di I grado, otto ispirati all’opera di Paladino e quattro ispirati al violino.

Mimmo Paladino è il maestro della Transavanguardia che con Sandro Chia, Francesco Clemente, Enzo Cucchi,  Gino de Dominicis,  ha segnato gli anni Settanta e Ottanta con il movimento “canonizzato” ad “Aperto ’80”, nell’ambito della Biennale di Venezia, dal critico d’arte Achille Bonito Oliva. Transavanguardia voleva dire: debito alla pittura figurativa e alla tradizione e sguardo rivolto al futuro attraverso forme e simbologie nuove.

 

Fino al 9 luglio 2017 saranno esposti alla Mole di Ancona (Sala Boxe) quattro “Testimoni” di Mimmo Paladino, imponenti figure ieratiche in bronzo, tra mito del passato e mistero del futuro.

INFO Ingresso libero.

Orario: dal martedì al sabato 16 – 19; domenica e festivi 10 – 13 e 16 – 19.
Email: arteinsieme@museoomero.it T. 0712811935
Sito: www.museoomero.it FB Biennale Arteinsieme

 

Sara Bonfili
Sara Bonfili
Editorial manager del blog. Sara Bonfili è PhD in Italianistica e giornalista pubblicista. Sa che l'enciclopedismo umanista un tempo rendeva l'uomo felice. E pur essendo una donna, non ha ancora mollato.

Lascia un commento