Fino al 25 marzo gli appartamenti Floridi Doria Pamphilj di Roma accolgono un nuovo progetto dedicato all’arte contemporanea, al design e al collezionismo: ADA (Your Art and Design Advisor), piattaforma nata dall’idea di Carlotta Mastroianni (classe ’91), giovane art advisor attenta al lavoro di artisti e designer under 40, che ha l’obiettivo di rompere le barriere tra arte contemporanea e design e offrire a collezionisti e artisti un’esperienza personalizzata di consulenza.
In occasione del lancio della piattaforma www.adadvisor.it sono in mostra negli appartamenti Floridi Doria Pamphilj gli artisti fin ora coinvolti nel giovane progetto: Luca di Luzio, Silvia Giambrone, JAGO, Gustavo Martini, Miriam Pace.
ADA fornirà consulenze in materia dʼinvestimenti in arte e in design, avvalendosi della valutazione gratuita ai fini di vendita di opere d’arte, di oggetti di antiquariato e modernariato e di vini di pregio italiani e francesi.

Silvia Giambrone Halo 01 ©Paola Edvige Piras

Le opere di ADA si potranno osservare dal vivo in questa speciale occasione all’interno degli appartamenti Floridi Doria Pamphilj di Roma.

Grazie a questa collaborazione ADA ha lʼonore di veicolare il premio MEMORIE#, istituito dal Trust Floridi Doria Pamphilj attraverso il quale la famiglia acquisirà, ogni anno, unʼopera dʼarte contemporanea che entrerà a far parte della collezione privata.

Le opere di ADA saranno in mostra fino al 25 marzo in tutte le sale degli appartamenti storici di Palazzo Doria Pamphilj a Roma, fondendo i lavori degli artisti, tutti nati negli anni ’80, con gli arredi storici e le opere esistenti, attraverso un allestimento incisivo ma non invasivo, ideato dalla curatrice Pia Lauro. Il percorso mostra mette in luce come le opere contemporanee possano dialogare in modo dinamico con un contesto storico, permettendo un’ulteriore lettura, e dunque un approfondimento, di contesti e opere già ampiamente studiati.
Così, nel passaggio da una sala all’altra, il pubblico si troverà immerso in uno spazio intimo  e  privato, che grazie all’allestimento delle opere contemporanee attualizza il proprio arredo, senza trasformarsi in un mero spazio espositivo.
Inoltre, è stato fondamentale creare un’armonia fra le opere selezionate per la mostra, differenti per materiale, poetica dell’artista e realizzazione, restituendo il sapore di una mostra eterogenea nei contenuti, ma armonica nella sua presentazione.


Il percorso mostra inizia dalla Sala del Trono con le opere di Miriam Pace, i cui paesaggi astratti e
sospesi ben dialogano con quelli a tempera del Giovannini esposti nella sala.
Nella Sala Azzurra sono esposte la serie di Luca di Luzio e l’opera di Silvia Giambrone. Di
seguito la Sala Verde, dal gusto veneziano, ospita notevoli dipinti del primo Settecento ed è
ancora oggi utilizzata come sala da pranzo. Per tale ragione sono stati selezionati per questo spazio i lavori di JAGO e di Silvia Giambrone.

Per la Sala Gialla, adibita a studiolo, è stato selezionato lo scaffale in ferro brunito del designer
Gustavo Martini. Questo è stato concepito sulla base di un modulo di riferimento unico, che può
essere assemblato secondo i diversi progetti del designer. La Sala Rossa, ancora oggi vissuta come camera da letto, è una stanza riccamente decorata in stile romano. Dato il carattere intimo della sala e l’arredo imponente, sono state pensate due opere di Silvia Giambrone. Infine nella Toletta di Venere è allestita al centro della sala un’imponente scultura di JAGO che ben si sposa con la ricchezza della stanza.

Pinkfusion22 è un progetto di blog culturale indipendente, libero, basato sulla narrazione del bello, di ciò che ci appassiona. Prendiamo una telecamera e lo raccontiamo, con la presunzione di farlo bene e di insegnare cià che noi stessi abbiamo imparato. Migliorare è sempre possibile, e in questo mettiamo volontà e modestia. E' stato ideato da Sara, giornalista pubblicista e dottore di ricerca in Letteratura. Con lei i redattori Giulio e Marco. Ospita la fumettista JFM. Quando raccontiamo mettiamo la garanzia di veridicità e attendibilità. Perché così sono i giornalisti. I blogger, le presentatrici, i tester di prodotti, le promotrici di marche di cibo e vino sono professionisti, ma lavorano diversamente. Quando e se faremo una recensione a pagamento, saremo ben lieti di segnalarlo. Premiate la nostra professionalità.

Leave a comment