Touring Italy

215 ospiti per il Festival “Internazionale” a Ferrara

Parte oggi, 5 ottobre, e si conclude domenica 7, il Festival di Internazionale, kermesse di giornalismo organizzata dal settimanale “Internazionale” e dal Comune di Ferrara. La firma è della vice direttrice del settimanale, Chiara Nielsen, e di Luisa Ciffolilli. 215 ospiti dal tutto il mondo, 112 incontri e 250 ore di programmazione.  Tanti i temi sul tavolo. Dalle guerre in corso alle catastrofi ambientali, dal razzismo e la xenofobia alle disparità economiche e sociali, ai populismi, al nuovo protezionismo.

Si parte stamattina alle 9.30 con l’incontro sul tema “MIGRANTI- Fino a quando resisto, con Gipi che leggerà i nomi delle trentamila persone morte dal 1993 a oggi nel viaggio verso l’Europa. Poi segue l’apertura e inaugurazione della decima edizione del Premio giornalistico Anna Politkovskaja. 

Tra gli ospiti la scrittrice croata Slavenka Drakulić, lo scrittore e giornalista austriaco Martin Pollack e la politologa tedesca Ulrike Guérot, che parleranno di nazionalismi e ascesa delle destre europee, Raj Patel, considerato uno dei maggiori esperti di crisi alimentare (Una storia del mondo a buon mercato, guida radicale agli inganni del capitalismo, Feltrinelli).

 

Il programma del primo giorno

Il giro del mondo in sessanta minuti
con Radio3Mondo
L’isola prigione
Gabbie, filo spinato, muri altissimi, porte elettroniche e telecamere di sorveglianza. Benvenuti nel centro per migranti di Manus Island
Bassa risoluzione
Usiamo lo smartphone per fotografare e ascoltare musica, ci informiamo sui social. Il digitale ha abbassato le nostre aspettative? Dialogo semiserio in alta definizione
Whispering truth to power
di Shameela Seedat
Sudafrica/Paesi Bassi 2018, 86’
Il mondo in mostra
Visita guidata della mostra World press photo 2018
L’Italia s’è destra
Perché il nuovo bipolarismo italiano non prevede la sinistra
Kinshasa makambo
di Dieudo Hamadi
Repubblica Democratica del Congo/Francia/Svizzera/Germania/Norvegia 2018, 75’
Palestina sconfinata
Si esprimono in lingue diverse. Vivono ai quattro angoli del mondo. Ma una storia li unisce
Il continente più violento del mondo
Quattrocento omicidi al giorno, una persona uccisa ogni quindici minuti. Dal Brasile al Messico, le cause profonde della violenza
15.00
Un bagno di realtà
Permette di trasformarsi in un migrante in mezzo al mare o perfino in un albero dell’Amazzonia. La realtà virtuale tra arte e informazione
What is democracy?
di Astra Taylor
Canada 2018, 107’
La parte migliore
Gli scienziati raccontano
I grandi temi sollevati nella scienza si ritrovano anche nella letteratura
16.00
74 seconds: the traffic stop
di Jon Collins e Riham Feshir – Mpr
Stati Uniti 2017, 20’
16.00
Chi sono io?
Autoritratti e selfie, identità e reputazione. Quando le donne fotografano se stesse per trovare il loro posto nel mondo
Un altro giorno di morte in America
16.00
Ingannati dall’istinto
Siamo davvero razionali? Scegliamo sempre l’opzione migliore? Come prendere decisioni in situazioni complesse, anche quando si tratta dei nostri soldi
Orecchie grandi per ascoltare
4-6 anni
Il bibliopatologo risponde
Consigli per affrontare le perversioni letterarie
Un’Europa a misura di cittadino
Sussidi, salario minimo, reddito di cittadinanza: come i paesi europei ridisegnano il welfare
Ti racconto una storia
con Radio3Mondo
17.00
A cow a day
di Pejk Malinovski – Falling Tree
Regno Unito/Stati Uniti/India 2018, 29’
Voglio essere gatto, piuma, albero
7-10 anni
In fuga per la vita
Oltre mezzo milione di rohingya aspettano di conoscere il loro futuro
Tree
Proiezione del cortometraggio di realtà virtuale
di Milica Zec Winslow Porter
Stati Uniti/Italia 2017, 7’ 
Le assaggiatrici
17.30
Popolocrazia
Cosa succede quando la democrazia subisce il fascino del richiamo al popolo, e mette in discussione regole condivise e mediazione
Missione: informare
Dal 2013 la stampa internazionale non ha più accesso al paese. Come si racconta una guerra a porte chiuse
Recruiting for jihad
di Adel Khan Farooq e Ulrik Imtiaz Rolfsen
Norvegia 2017, 80’
Il mondo in mostra
Visita guidata della mostra World press photo 2018
Guida eretica alla finanza globale
La grande mappa della metropolitana di New York
18.00
Paracadutati un bel giorno
Un progetto artistico fuori del comune in cui ognuno impersona se stesso
18.30
Una voce speciale
I reportage radiofonici di Alessandro Leogrande
Le cronache dal G8 di Genova 
Stato d’eccezione
Fare informazione sul paese più chiuso del mondo tra notizie inverificabili, propaganda di regime e sensazionalismo
Mediatori nati
I giovani afroitaliani esistono, e possono essere un ponte tra Europa e Africa
Resta con me
Un mondo a buon mercato
Guida radicale agli inganni del capitalismo che trasforma, governa e devasta la terra. E trae profitto da qualsiasi cosa
Non lasciateci soli
La difesa dei diritti dei minori in Italia, vulnerabili e stranieri
Ciak, si spara
La propaganda jihadista, i video degli attivisti, le serie tv del regime: la guerra per immagini nell’era digitale
Under the wire
di Chris Martin
Regno Unito 2018, 99’
Tremate, tremate!
Dall’Argentina alla Polonia, il movimento femminista è tornato. E vuole cambiare il mondo.
21.00
It’s my home for three months
Un viaggio in solitaria in bicicletta. Diecimila chilometri, dal Pacifico all’Artico
Rifiutopoli – Vento di Soave
Dalla pagina allo schermo
I progetti fotografici pubblicati su M – Le magazine du Monde
Eurotrump
di Stephen Robert Morse e Nicholas Hampson
Regno Unito/Stati Uniti/Germania/Paesi Bassi 2017, 91’

Tutto il programma sul sito del Festival

Pinkfusion22 è un progetto di blog culturale indipendente, libero, basato sulla narrazione del bello, di ciò che ci appassiona. Prendiamo una telecamera e lo raccontiamo, con la presunzione di farlo bene e di insegnare cià che noi stessi abbiamo imparato. Migliorare è sempre possibile, e in questo mettiamo volontà e modestia. E' stato ideato da Sara, giornalista pubblicista e dottore di ricerca in Letteratura. Con lei i redattori Giulio e Marco. Ospita la fumettista JFM. Quando raccontiamo mettiamo la garanzia di veridicità e attendibilità. Perché così sono i giornalisti. I blogger, le presentatrici, i tester di prodotti, le promotrici di marche di cibo e vino sono professionisti, ma lavorano diversamente. Quando e se faremo una recensione a pagamento, saremo ben lieti di segnalarlo. Premiate la nostra professionalità.

Lascia un commento