Il silenzio: proclamati i vincitori del Premio Rocca Flea di Gialdo Tadino giunto alla sua Xi edizione. 

Il silenzio come atto di ribellione contro le convenzioni che riservano il potere agli uomini, oppure come esperienza di solitudine o condizione da superare per aprirsi al dialogo e all’ascolto dell’altro. E ancora: silenzio come disagio, o valore prezioso che caratterizza un luogo come la biblioteca. Queste alcune delle “letture” del silenzio – tema dell’edizione 2018 – che la giuria del premio Rocca Flea ha scelto di premiare.

A vincere il premio per la sezione adulti Maricla Di Dio Morgano (EN), con “Il freddo mondo di Rrona”, secondi e terzi classificati rispettivamente Paolo Cattolico (di Antibes, Francia), con “Il silente” e Lucio Aimasso (CN) con “Dio non fa il caffè”. Per la sezione giovani under 25 il  primo premio è andato a “Il silenzio” di Nicla Mencarelli (RI). La premiazione del concorso letterario, organizzato dall’Associazione Turistica Pro Tadino e dall’Accademia dei Romiti con il patrocinio del Comune, si è tenuta sabato 17 novembre al Teatro Talia di Gualdo Tadino. Ad accogliere finalisti e vincitori il sindaco Massimiliano Presciutti, il presidente della Pro Tadino Luciano Meccoli, il Rettore dell’Accademia dei Romiti Pierluigi Gioia, del Presidente del Rotary Club Paolo Fiore e il presidente della giuria del premio “Rocca Flea”, prof. Antonio Pieretti.

Il prof. Antonio Pieretti

I premiati, selezionati dal presidente Pieretti e dai giurati Giacomo Marinelli Andreoli, Sara Bonfili e Martina Coletti, si sono aggiudicati le opere in ceramica dell’artista gualdese Chiara De Megni, un soggiorno a Gualdo Tadino al ristorante-albergo GG8 e il volume “Il silenzio”, edito dall’Accademia dei Romiti, che raccoglie tutti i racconti selezionati. Al vincitore assoluto della sezione adulti è andato anche un premio di 500 euro.

Finalisti e vincitori, inoltre, hanno potuto apprezzare le bellezze artistiche del nostro territorio grazie a un coupon, omaggio del Polo Museale di Gualdo Tadino,  che gli ha permesso di visitare i musei della nostra città.

Nel corso della premiazione brani dei racconti dei vincitori sono stati letti dall’attore Marco Panfili accompagnato dal violoncello di Mauro Businelli e dalla chitarra di Alessandro Zucchetti. Gli organizzatori del concorso ringraziano la presentatrice dell’evento Priscilla Benedetti e tutte le persone, i concorrenti, le associazioni, gli sponsor che partecipano e che sostengono questo appuntamento letterario. Il libro “Il silenzio” ha l’onore di avere in copertina l’opera “Racconti del vento” dell’artista Luciano Ventrone ed è quindi con un’immagine e un pensiero tratto dalla prefazione del libro scritta da Antonio Pieretti, che il Premio Rocca Flea chiude l’edizione 2018.

Motivo di particolare soddisfazione  per gli organizzatori è stata la presenza alla cerimonia di 3 vincitori  su  4  e di 8 finalisti su 11.

una finalista

Tutti i finalisti e i vincitori hanno ricevuto in omaggio le copie del libro Il silenzio, edito dall’Accademia dei Romiti e presentato durante l’evento.

“La Pro Tadino e Accademia dei Romiti”, si legge in una nota, sottolineando che   in rilievo che la “presenza degli scrittori e loro accompagnatori a Gualdo Tadino ha fornito l’occasione  di far apprezzare l’artigianato ceramico e le bellezze artistiche e ambientali della città” e ringraziando chi ha collaborato nella organizzazioen e nella giuria, sottolineano la “grande soddisfazione per la serietà e l’organizzazione del concorso e dell’evento finale” e per l’accorglienza manifestata da tutti i concorrenti.

Un motivo di vanto per la città, certamente.

 

Il Finalista (Sez. under 25)

Il silenzio ricorre in tutte le culture, sia occidentali che orientali, costituisce un’esperienza a cui nessun uomo sfugge. Ma, svincolando dalla dimensione temporale, si può forse più opportunamente identificare con una condizione dello spirito. (A. Pieretti)

Pinkfusion22 è un progetto di blog culturale indipendente, libero, basato sulla narrazione del bello, di ciò che ci appassiona. Prendiamo una telecamera e lo raccontiamo, con la presunzione di farlo bene e di insegnare cià che noi stessi abbiamo imparato. Migliorare è sempre possibile, e in questo mettiamo volontà e modestia. E' stato ideato da Sara, giornalista pubblicista e dottore di ricerca in Letteratura. Con lei i redattori Giulio e Marco. Ospita la fumettista JFM. Quando raccontiamo mettiamo la garanzia di veridicità e attendibilità. Perché così sono i giornalisti. I blogger, le presentatrici, i tester di prodotti, le promotrici di marche di cibo e vino sono professionisti, ma lavorano diversamente. Quando e se faremo una recensione a pagamento, saremo ben lieti di segnalarlo. Premiate la nostra professionalità.

Leave a comment