La Madonna Benois di Leonardo da Vinci presentata a Fabriano

Spread the love

 

Francesca Merloni, Good Will Ambassador Unesco, ha fortemente voluto il dipinto di Leonardo in questa occasione della conference UNESCO

 

Eccola a  Fabriano, accessibile al grande pubblico la Madonna Benois (1478-1480) opera di un Leonardo da Vinci ventiseienne prestata dal Museo Ermitage di San Pietroburgo alla Pinacoteca Civica Bruno Molajoli.  Sarà esposta da domani 1 giugno fino al 30 giugno 2019, come principale evento artistico, di certo di gran richiamo, del Meeting annuale Unesco delle città creative che si terrà proprio nella città della carta tra il 10 e il 16 giugno. Il dipinto giovanile di Leonardo sarà poi trasferito a Perugia nella Galleria Nazionale dell’Umbria.

Il dipinto, 49.5 x 33 cm di proprietà dell’Ermitage dal 1914 è stato presentato alla stampa locale con il cirtico e storico dell’arte Carlo Bertelli curatore dell’esposizione e del catalogo (insieme a Tatiana Kustodieva che non è potuta essere presente).

Poi in rappresentanza del Museo russo è interventuta Irina Artemieva direttrice di Ermitage Italia e conservatrice della pittura veneta dell’Ermitage; ad annunciare l’evento di apertura della conference Francesca Merloni, good will ambassador Unesco e motore reale e ideale della convention fabrianese.

Irina Artemieva direttrice di Ermitage Italia

Irina Artemieva, direttrice di Ermitage Italia

Il pubblico potrà ammirare l’opera di Leonardo in Pinacoteca Molajoli dal 1 al 30 giugno, come detto, dalle 10.00 alle 20.00, con apertura straordinaria fino alle 23.00 nei giorni della convention fino al 16 giugno. Il biglietto costerà 8 euro, ridotto per gruppi a  6 euro, a 5 per gli under 18 e gratuito per il più piccoli di 12 anni.

Leggi gli articoli e guarda il video su ARTRIBUNETV e sui suoi social.

 

la Madonna Benois

L’Ermitage di San Pietroburgo presterà un’altra opera attribuita a Leonardo o ancor meglio alla sua scuola: sarà al Museo Poldi Pezzoli di Milano la Madonna Litta  (1490 circa) chiamata così perché nel 1865 Antonio Litta Visconti Arese, raffinato collezionista, la vendette allo zar Alessandro II.  Visitabile da novembre 2019 celebrerà l’eredità lombarda di Da Vinci e il legame del genio con la città viscontea.

*Pubblichiamo la notizia come sempre invitandovi a seguire il tag #fabrianocultura per trovare tutte le altre inziative della città della carta!

thepinkfusion redazione

Pinkfusion22 è un sito culturale indipendente basato sulla narrazione del bello. Testimoniamo e narriamo con la professionalità dei giornalisti, vagliando le fonti, approfondendo le notizie. Dietro e a volte davanti alla telecamera c'è Sara, giornalista pubblicista e dottore di ricerca in Letteratura. Talvolta contribuiscono i redattori Giulio e Marco e disegna la fumettista JFM.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento