Alte Marche, Altra Musica Festival, II edizione

Spread the love

 

Dal 4 al 14 agosto 2019 dieci giorni di musica dal Mondo nelle terre dell’Appennino Pesarese Anconetano

Comuni di Acqualagna, Apecchio, Arcevia, Cagli, Cantiano, Frontone, Piobbico, Sassoferrato e Serra Sant’Abbondio e un’anteprima nella città di Urbino

È stata presentata presso la sede della Provincia di Pesaro Urbino la seconda edizione di Alte Marche Altra Musica, un festival musicale itinerante, nato nel 2018 dalla forte volontà dell’Unione Montana del Catria e Nerone di creare un evento culturale qualificante per un territorio splendido, attorno alle cime dell’Appennino a cavallo delle province di Pesaro Urbino e Ancona.

A presentare il festival sono intervenuti Alberto Alessandri, sindaco di Cagli e Presidente dell’Unione Montana Catria e Nerone, Viviana Bucci dell’associazione Musicamorfosi che organizza il festival, Sandro Pascucci direttore dell’Istituzione Teatro Comunale di Cagli e referente della Rete Asili d’Appennino e Gilberto Tinti, responsabile gestione controllate Hera Comm di Marche e Abruzzo. È intervenuto anche Massimo Valentini, direttore artistico di Urbino Plays Jazz Around.

Una seconda edizione che raddoppia la proposta, mettendo in cartellone dieci serate di musica ambientata tra castelli, piazze, palazzi e chiese dei comuni che partecipano a questo ricco progetto musicale e culturale. I concerti saranno ad Acqualagna, Apecchio, Arcevia, Cagli, Cantiano, Frontone, Piobbico, Sassoferrato e Serra Sant’Abbondio con un’anteprima nella città di Urbino, grazie alla collaborazione con l’Urbino Jazz Club.

Ancora una volta seguendo gli appuntamenti del festival, evento pensato espressamente per valorizzare e godere di queste terre, sarà possibile a scoprire e riscoprire alcuni dei luoghi simbolo delle Aree Interne della Regione Marche, ricchi di storia, arte, natura e tradizioni. Perle turistiche del territorio che il festival contribuisce a valorizzare con passione e creatività. Mete sempre più apprezzate dai viaggiatori, grazie ai paesaggi intatti, al ricco patrimonio storico-culturale e all’accoglienza genuina che le contraddistingue.

La proposta è di altissima qualità musicale e di livello internazionale con interpreti che arrivano da sei nazioni e tre continenti diversi. Il direttore creativo Saul Beretta di Musicamorfosi ha messo in cartellone dieci concerti da ascoltare con attenzione, con una proposta eclettica e trasversale che si muove tra world music, jazz, musica popolare e sperimentazione. Nel programma anche i “Concerti al fiume”, apprezzate jam session informali e improvvisate con i musicisti vicino alle acque dei freschi torrenti dell’Appennino.

Saul Beretta, direttore creativo, sottolinea «Alte Marche raddoppia le occasioni per scoprire un territorio di Grande Bellezza con concerti “site specific” capaci di raccontarla in Italia e all’Estero grazie alla musica e all’estro di artisti di assoluto rilievo come Marco Mezquida, il genio del pianoforte stella di prima grandezza entrato di forza a soli 30 anni nei programmi dei principali festival di tutto il mondo, oppure i Qwanqwa gruppo di punta della nuova scena etiope, quella scena che Sorrentino immortala nel film la Grande Bellezza, con il dialogo: “Bello questo jazz, vero?” “Mica tanto. L’unica scena jazz interessante, oggi, è quella etiope”»

La produzione del Festival è affidata a Musicamorfosi che ha già all’attivo diverse collaborazioni con enti e istituzioni nelle Marche. L’associazione, che ha base in Lombardia, è attiva dal 2004 realizzando eventi, festival e rassegne di alta qualità artistica in collaborazione con enti e grandi aziende, nel mese di luglio una produzione originale ha inaugurato la 58 edizione del Festival Internazionale di Stresa. L’attenzione al territorio e la capacità di relazionarsi a tutti i livelli garantiscono sempre una forte condivisione delle proposte di Musicamorfosi che oggi conta su una ampia base di pubblico fidelizzato. L’Associazione vuole valorizzare queste relazioni per creare un collegamento con le Marche e portare all’attenzione del suo pubblico un territorio bellissimo con ampi margini di sviluppo delle sue potenzialità turistiche e culturali.

 

Il festival è promosso da Unione Montana del Catria e Nerone e dalla rete “Asili d’Appennino – Le dimore delle Creatività nelle Alte Marche”.

Con il contributo dei Comuni di Acqualagna, Apecchio, Arcevia, Cagli, Cantiano, Frontone, Piobbico, Sassoferrato, Serra Sant’Abbondio.

Con il patrocinio dell’Assemblea Legislativa della Regione Marche e della Provincia di Pesaro Urbino.

In collaborazione con Urbino Jazz Club – Urbino Plays Jazz Around.

Con il sostegno di Hera e il contributo di ProHelvetia e Istituto Baleari

Il festival ha la direzione creativa di Saul Beretta ed è prodotto da Musicamorfosi.

Info: www.altemarche.it

thepinkfusion redazione

Pinkfusion22 è un sito culturale indipendente basato sulla narrazione del bello. Testimoniamo e narriamo con la professionalità dei giornalisti, vagliando le fonti, approfondendo le notizie. Dietro e a volte davanti alla telecamera c'è Sara, giornalista pubblicista e dottore di ricerca in Letteratura. Talvolta contribuiscono i redattori Giulio e Marco e disegna la fumettista JFM.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento