Il tipico piatto degli avanzi: come fare bene i canederli?

Spread the love

 

Vi confido una cosa… odio le ricette! Mette in difficoltà la mia pazienza anche leggere le indicazioni del forno a microonde o del mobile SV°OOS dell’IKEA. Però oggi mi trovo in Trentino con degli avanzi in cucina e faccio il mio secondo tentativo di canederli. Il secondo della vita.

Il primo ha dato come risultato delle polpette con tutta la forma dei canederli ma poco sapore.

Il secondo lo documenterò per voi. NON STATE NELLA PELLE, VERO?

 

Uno dei borghi di Vigo di Fassa, Tamion

La non-ricetta di Sara

Ho tra i miei ingredienti:

– 300 gr di pane raffermo (NOI COMPRIAMO QUELLO DI SEGALE, MA SENTITEVI LIBERI DI DARE UNA SECONDA CHANCE AL VOSTRO PANE PREFERITO)

– 100 gr di speck (o PROSCIUTTO) più o meno. Meglio a dadini, ma io lo ho a fette.

– 2 uova (SEMPRE PRESENTI IN CUCINA)

– 2 cucchiai di farina (C’è SEMPRE IN CUCINA, almeno, per chi frequenta la cucina  più di una volta a settimana)

– prezzemolo (NON LO AVETE IN BALCONE? MALE!)

– latte (q.b.)

– Ho del BRODO di carne fatto da me sempre secondo la non-ricetta della mamma, che servirà per cuocerli

– Ci vorrebbe anche l’ERBA CIPOLLINA (SE NON L’AVETE IN BALCONE, è PERCHè AVETE UN GATTO CHE L’HA FATTA FUORI)

 

A voi un bel PIATTONE: PANE SECCO A DADINI O SPEZZETTATO RINVENUTO NELL’ACQUA o LATTE che si UNISCE naturalmente allo SPECK, alle UOVA SBATTUTE con un po’ di LATTE che con PREZZEMOLO E SALE VI VERSERETE SOPRA. UN PO’ DI CIPOLLA SOFFRITTA CON IL BURRO e un’aggiunta di FARINA faranno il resto per rendere queste PALLINE, DELLA DIMENSIONE DI POLPETTE, mediamente CONSISTENTI.

Gli amanti dei formaggi (TRA CUI NON FIGURO IO MA IL RESTO DEL MONDO Sì) AGGIUNGONO NELL’IMPASTO un paio di cubetti di FORMAGGIO. Molto apprezzati e ricercati in queste zone sono il  PUZZONE DI MOENA (come resistere, vi capisco!), il FASSANO, il CUOR DI FASSA. Dunque, sbizzarritevi.

 

 

Si cuociono quindi i canederli in brodo con l’erba cipollina e si servono con il brodo di carne, oppure con il burro fuso.
O voi, amanti dei prodotti caseari dai forti odori, potrete aggiungere anche del parmigiano grattugiato, sentendovi ancor più gratificati! Se invece siete francescani, come me, sarete felici di aver recuperato del materiale in cucina e apprezzerete questo semplice piatto di per sé.

 

I canederli secondo la mia NON RICETTA

***AVVERTENZA per coloro che odiano le ricette: la consistenza del canederlo non è matematica, ecco perché oltre alle ricette serve la conoscenza della tradizione e l’esperienza delle mani della gente di questi luoghi favolosi del Trentino e Alto Adige (dove si chiamano Knödel e sono la stessa cosa).

Fatene quindi uno e testatene la cottura. Se potete aggiustare il tiro bene, altrimenti, cercate la RICETTA!

 

La ricetta dell’Hotel Miramonti

Noi ci facciamo consigliare dall’HOTEL MIRAMONTI di Vigo di Fassa (oggi comune di San Giovanni di Fassa  o Sèn Jan), gestito dai signori Luciano e Rita con dai loro figli, Andrea e Michele Vian.

L’hotel Miramonti si trova a pochi metri dal centro di Vigo e dalla funivia Catinaccio-Rosengarten, che permette di raggiungere uno dei luoghi più belli delle Dolomiti, il Catinaccio.

Quali sono i segreti della preparazione dei veri canederli, il piatto tipico di Vigo e probabilmente di tutta la Val di Fassa?
Vi diamo gli ingredienti per i canederli al formaggio: 400 g di pane raffermo, 1/2 bicchiere di latte, 2 uova, 60 g di formaggio (Puzzone, Cher de Fascia, Primiero, Formae Val di Fiemme, oppure Fontal se si vuole un sapore più delicato).
Va tagliato il pane a dadini, vanno sbattute le uova con il latte e versate sul pane. Si unisce poi il formaggio, il prezzemolo o l’erba cipollina e un pizzico di sale. Lasciar riposare per un’ora, poi formare delle palline e infarinarle. Cuocerle in acqua salata per circa 10 minuti.
Sembra molto più facile del previsto… come si servono?
Si servono con formaggio fuso o con burro e Trentingrana. Se preferite invece la versione con lo speck, potete aggiungere lo speck a cubetti al posto del formaggio e cuocerli nel brodo di carne, oppure servirli con il burro fuso.
Ringraziamo la famiglia Vian e ricordiamo che ogni mercoledì Andrea Vian organizza grazie alla proloco di Vigo (le info nel sito www.entornvich.com ) il giro in e-bike dei borghi San Giovanni, Val, Costa, Larcionè, Vallonga e Tamion.
Infatti dal 2017 queste borgate (ex frazioni di Vigo che ora è parte comune di Sèn Jan) sono state nominate “UNO DEI BORGHI PIU’ BELLI D’ITALIA”.
Hotel Miramonti (http://www.miramonti.net/)
Strada di Molins 10
38039 Vigo di Fassa (TN)
Tel. +39 0462 764121
Fax +39 0462 763740
info@miramonti.net

La pieve di San Giovanni a Vigo

Vi abbiamo dato degli spunti per conoscere questo territorio, attraverso lo sport e la gastronomia: ora buon divertimento!

thepinkfusion redazione

Pinkfusion22 è un sito culturale indipendente basato sulla narrazione del bello. Testimoniamo e narriamo con la professionalità dei giornalisti, vagliando le fonti, approfondendo le notizie. Dietro e a volte davanti alla telecamera c'è Sara, giornalista pubblicista e dottore di ricerca in Letteratura. Talvolta contribuiscono i redattori Giulio e Marco e disegna la fumettista JFM.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento