Touring Europe

A Rotterdam sono stata nel 2015, in una delle più calde estati vissute dagli Olandesi e da me, in quanto abitante del “Paese do’ sole”. Mai mi era capitato di respirare solo di notte e di vivere un caldo umido davvero insopportabile tutto il giorno. Comunque, racconterò questa storia con un reportage, come promesso tempo fa, perché merita: il mio viaggio era incentrato sull’esperienza del North Sea Jazz Festival, uno dei più longevi e famosi festival jazz del mondo dopo quello di Montreal, che si tiene la seconda settimana di luglio in Olanda, prima a Den Haag, per gli italiani meglio conosciuta come l’Aja, poi a Rotterdam dal 2006.

 

 Rotterdam, Dizzy Café, uno dei più famosi locali jazz della città

Rotterdam, Dizzy Café, uno dei più famosi locali jazz della città

Gli abitanti di Rotterdam in quei dieci giorni che li ho conosciuti e osservati, non facevano che star fuori, sulle rive dei canali, farsi il bagno nelle acque verdi, vivere il caldo che non vivono mai durante l’anno.

A Delft, la piccola Amsterdam, una delle città più belle e vivibili dei Paesi Bassi, lo stesso.

vie di Delft

 

Di Rotterdam ricordo l’ordine, la pulizia, il senso diffuso di sicurezza e di integrazione, che certamente può esser smentito dai fatti di cronaca qua e là accaduti, ma era lampante un senso di ordine e di civiltà, nell’attraversare le strade, nel rispettare pedoni e ciclisti, sinceramente mai visto in Italia, nell’essere discreti e rispettosi. Ho conosciuto gente di tutte le nazionalità. E io ero tra le poche con la pelle chiara…

 

 

L'immagine di locandina del North Sea Jazz Festival

L’immagine di locandina del North Sea Jazz Festival 2015

 

Le famose case cubiche di Piet Blom chiamate anche paalwoningen o boomwoningen, un masterpiece di architettura nella piazza principale vicino al vecchio porto. Complesso noto come Blaakse Bos (“bosco di Blaak”) che ospita anche un museo dedicato al progetto, il Kijk-Kubus, dove ai visitatori viene raccontato come si vive in una casa cubica.

Le Cube houses a Rotterdam

 

L’Euromast, la torre panoramica Rotterdam

 

Ricordo l’Euromast la torre panoramica di Rotterdam, costruita tra il 1958 e il 1960, una delle più alte d’Europa. Che era la mia bussola per identificare i lati della città, e da ci ho visto scendere in corda doppia dei pazzi turisti o olandesi.

Ricordo il colore di questa città dal cielo grigio. La creatività che si respira in tutti i lati. Teatri, scuole di musica, accademie, conservatori.

 

Pubblicità per teatro a Rotterdam

 

Eccomi a Rotterdam, mentre sbircio in un locale dove si teneva un saggio degli studenti di musica durante il Festival

2 giugno 2018
http://www.pinkfusion22.com/2018/06/02/olanda-rotterdam/

Olanda, Rotterdam

A Rotterdam sono stata nel 2015, in una delle più calde estati vissute dagli Olandesi e da me, in quanto abitante del “Paese do’ sole”. Mai […]
11 gennaio 2018
norway-tromso norvegia

Meditazioni e manuali: the Danish way of

Hygge è qualcosa di tanto danese che non si può tradurre. Diciamo che significa creare un’atmosfera accogliente, piacevole, mentre si assaporano i piaceri della vita –  […]
7 luglio 2017
castellodiDrachenfels

Travelling in Germany, viaggio lungo il Reno

Il nostro Marco è andato a visitare per noi le sponde del fiume Reno, da Francoforte a Colonia. Il nostro viaggio inizia a Francoforte sul Meno, […]
19 aprile 2017
bokashi

Fatto con le mani: cos’è il bokashi?

La produzione del bokashi, in un video che illustra il sapore della fatica e della terra,  da parte di alcuni ragazzi che lavorano in una fattoria proprio […]
13 aprile 2017

Idee viaggio: una visita a Ibiza prima della stagione turistica

  Il contributo del nostro collaboratore Marco per una vacanza molto speciale Una risposta affermativa da parte di una fattoria biologica e prenoto un biglietto aereo […]
4 luglio 2016

“La strada: uno sguardo sull’anima”, foto e sapori d’Italia a Varsavia

Il fotografo è una versione armata del viandante solitario che perlustra, esplora, percorre l’inferno urbano, del bighellone-voyeur che scopre la città come paesaggio di estremità voluttuose. […]