terremoto

CAMERINO – Dopo essere stata tappa della manifestazione nazionale diretta da Paolo Fresu, “Il Jazz Italiano per le Terre del Sisma”, Camerino torna ad essere protagonista di impegno e solidarietà.
Mercoledì 4 ottobre alle ore 21.15, l’Auditorium Benedetto XIII del campus universitario ospiterà “Due come noi che…” concerto che il celebre cantautore milanese Gino Paoli e il pianista jazz Danilo Rea stanno portando in giro nei più importanti teatri della penisola.
L’evento organizzato da Musicamdo Jazz e dal TAM, Tutta Un’Altra Musica, con il sostegno dell’Università di Camerino, del Circolo Universitario Ricreativo Camerte e del Comune di Camerino, testimonia ancora una volta la vicinanza degli artisti alla comunità camerte.

«Il compito degli artisti che vengono gratuitamente non è certamente quello di ricostruire case, – spiega il Presidente di Musicamdo Daniele Massimi – ma è quello di restituire ai luoghi colpiti dal sisma e dunque a Camerino, la sua comunità, un momento di svago e giovialità. Ad essere ricostruiti – continua Massimi – oltre che gli edifici sono anche gli animi, le speranze, il piacere di stare assieme e di riscoprire la bellezza. Il piccolo biglietto d’ingresso – conclude – servirà solo a coprire le spese tecniche organizzative».
Il concerto per Camerino è quindi frutto dell’anima grande di due artisti in grado di sentire l’urgenza della vicinanza ad una popolazione scossa sin nell’anima dal terribile sisma.

Gino Paoli.

I due artisti si impegneranno in un concerto che si rinnova di spettacolo in spettacolo con le canzoni più amate di Gino Paoli, da “Averti addosso” a “Il cielo in una stanza”, da “Vivere ancora” a “Perduti” passando per “La gatta” e “Come si fa”, insieme a chicche dei cantautori genovesi, che per Paoli sono gli amici di una vita: “Canzone dell’amore perduto” e “Bocca di rosa” di De André, “Il nostro concerto” di Umberto Bindi, “Vedrai Vedrai” di Tenco e “Se tu sapessi” di Bruno Lauzi. In scaletta. Inoltre, non mancherà l’omaggio alla melodia napoletana di cui Paoli e Rea sono appassionati conoscitori e ascoltatori.

La giornata si aprirà alle ore 17 presso il Campus di Unicam con la presentazione del libro “Stella Dispersa” del poeta di Fiuminata Piero Angeli durante la quale interverrà Gino Paoli. Sul palco invece prima dell’attesissimo concerto, il musicista camerte Alberto Napolioni al piano accompagnerà la voce di Eleonora Bianchini.

Biglietti in prevendita sul Circuito Ciao Tickets e presso il punto vendita Qui Poste di via Bandini a Camerino mentre dalle 18 del 4 ottobre i biglietti saranno acquistabili anche presso l’Auditorium Benedetto XIII.

Per informazioni contattare il 338 4666069.

20 settembre 2017

Rea e Paoli suonano per Camerino

CAMERINO – Dopo essere stata tappa della manifestazione nazionale diretta da Paolo Fresu, “Il Jazz Italiano per le Terre del Sisma”, Camerino torna ad essere protagonista […]
20 settembre 2017

#Resilienti: dopo il sisma le Marche della rinascita

Incontro per amministratori comunali sul sisma con il Commissario De Micheli, Nuovi sentieri di sviluppo dell’Appennino “Le Marche della rinascita. Nuovi sentieri di sviluppo dell’Appenino dopo il sisma” […]
19 maggio 2017

Terremoto Marche: cos’è la ricostruzione pesante

Il presidente della Regione Marche Luca Ceriscioli, affiancato dalla vicepresidente Anna Casini e dal direttore dell’ufficio speciale per la ricostruzione Cesare Spuri, ha presentato la campagna […]
19 maggio 2017
Sfida tra chef per "Aiutiamo San Severino Marche"

Chef si sfidano per “Aiutiamo San Severino Marche”

(nella foto la serata nella città di Bagnacavallo) TERREMOTO: SERATA ROMAGNA – GIAPPONE PER PROGETTO “AIUTIAMO SAN SEVERINO MARCHE” IN CAMPO ANCHE TOSHIYUKI TAKANAMI. Una sfida […]
2 maggio 2017
Post terremoto Marche, dal fondo di garanzia alle iniziative sul territorio

Post-terremoto, cosa si fa, da RisorgiMarche al fondo di garanzia

Dall’estensione del Fondo di garanzia alle imprese danneggiate nel sisma di ottobre al festival ideato da Marcorè, ad altri eventi sul territorio La Giunta regionale ha […]
25 febbraio 2017
Le ferite del sisma a Gagliole

Le ferite del sisma delle Marche

La ricostruzione dopo il sisma del 1997 non è bastata. Nuovi quartieri distrutti e vecchie architetture lesionate A sei mesi dal sisma di Amatrice e Arquata del […]